SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI AI 49 €

STRESS, INSONNIA...MALANNI DI PRIMAVERA!

Siamo sempre più stressati!

Quante volte usiamo la parola “stress” nel nostro quotidiano?

Le nostre esistenze, già normalmente piene di impegni e fatiche, si sono ulteriormente appesantite a causa della pandemia di covid-19 che ha portato con sé l'incertezza della situazione sanitaria globale e i disagi delle restrizioni sociali.

Una delle principali conseguenze principali dei lockdown che si sono susseguiti tra il 2020 e il 2021 è stata una ridotta capacità di riposare a causa del peggioramento della qualità del nostro sonno notturno.


A peggiorare la situazione, alcuni di noi possono anche risentire degli effetti del cambio di stagione che ci porta ad avere la fastidiosa sensazione di svegliarci la mattina più stanchi della sera prima...v
i è mai capitato?

Se le manifestazioni di insonnia sono presenti da molto tempo il consiglio è quello di rivolgersi al proprio medico o ad uno psicologo che possa aiutarvi ad affrontare questo problema mediante la terapia cognitivo-comportamentale.

Tuttavia nelle situazioni più transitorie è possibile trovare un valido aiuto nelle piante officinali e in alcuni rimedi naturali di riconosciuta efficacia che favorirscono il rilassamento e migliorano la risposta allo stress sia fisico che mentale.

Vediamo quali sono e le loro proprietà.


Piante rilassanti

  • Valeriana officinalis: è molto conosciuta nella medicina popolare per le sue virtu' sedative e antidepressive. Potete facilmente  vederla crescere in questa stagione sulle rive dei corsi d'acqua e nei prati umidi. L'estratto acquoso di radice di valeriana migliora notevolmente la qualità del sonno, l'ansia e anche disturbi depressivi. Queste proprietà sono state dimostrate in diversi studi clinici che hanno evidenziato anche l’assenza di sonnolenza mattutina tipica di alcune classi di farmaci usati nel trattamento dell'insonnia.
  • Melissa officinalis: è una pianta erbacea le cui foglie hanno un gradevole aroma di limone da cui deriva il nome popolare di "erba cedrina". La melissa è una pianta nervina con una nota carminativa perché oltre a lavorare sul sistema nervoso, migliora anche disturbi gastrointestinali riducendo la tensione addominale. 
  • Eschscholtzia californica: l'escolzia, volgarmente nota come "papavero californiano", è una pianta appartenente alla famiglia delle papaveraceae (guarda un po!!) di cui si utilizzano le sommità fiorite. Contiene alcuni alcaloidi come la protropina in grado di favorire rilassamento a livello del SNC (Sistema Nervoso Centrale). 

Piante adattogene

Le piante adattogene si caratterizzano per la loro capacità di influenzare una risposta non specifica del corpo verso diversi fattori di stress. In altre parole aiutano il nostro organismo a migliorare le prestazioni mentali e fisiche in caso di stress. 

  • Rhodiola rosea: nota anche come ginseng siberiano, la rodiola è una pianta molto versatile e di sicuro utilizzo. Migliora il metabolismo di serotonina, dopamina e norepinefrina a livello della corteccia cerebrale e dell'ipotalamo. Grazie a queste attività è in grado di favorire le funzioni cognitive e il benessere mentale. Sul piano muscolare stimola la produzione di ATP e la sintesi proteica, caratteristiche che ne fanno un interessante aiuto per chi pratica sport ma anche per chi abbia un periodo di stanchezza durante il cambio di stagione.
  • Panax ginseng: è una pianta tonico-adattogena universalmente conosciuta. Grazie alla stimolazione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene è in grado di migliorare le capacità psico-fisiche dell'individuo. Modulando la produzione di neurotrasmettitori come serotonina, dopamina e noradrenalina il ginseng è in grado di favorire il benessere mentale e le funzioni cognitive. E' anch'essa una pianta adatta agli sportivi in quanto migliora le prestazioni fisiche ed ha inoltre proprietà immunomodulanti grazie alla presenza di polisaccaridi.
  • Ganoderma lucidum: è un fungo conosciuto con il nome di Reishi che gli antichi cinesi chiamavano "ling zhi" ovvero "pianta della potenza spirituale". Il ganoderma è in grado di favorire la risposta del sistema immunitario grazie al contenuto in polisaccaridi e di regolare l'infiammazione. Migliora anche l'insonnia ed è in grado di favorire la gestione dello stress, inducendo benessere mentale e fisico.

Per mantenere in equilibrio il corpo anche la mente ha bisogno di essere curata, perciò sono consigliatissime tutte le pratiche che apportano benefici in tal senso come meditazione, camminate nei verdi boschi, mindfulness o l'ascolto di buona musica, meglio se dal vivo!

 

DISCLAIMERle informazioni contenute in questa newsletter sono di carattere divulgativo e non sostituiscono il parere di un medico. Per ogni dubbio consultare il proprio medico curante.

 

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati